in ,

Arredo giardino: tutto quello che devi sapere (ed avere)!

Mentre inizio a scrivere questo articolo, devo ammettere che una pioggia torrenziale sta cadendo sulla mia terrazza. Ma non è abbastanza per scoraggiarmi dal pensare alla bella decorazione che merita, ed alle lunghe serate che ci passeremo (tranne oggi…)!

È tempo di primavera, e quindi di sviluppo del proprio piccolo angolo verde, se si ha la fortuna di averne uno. Che sia un mini balcone, una bella terrazza o un enorme giardino: ecco i miei elementi essenziali per decorare il tuo esterno!

Vi do ogni volta il mio esempio di applicazione di questi consigli, ma se volete trovare tutte le foto della mia terrazza, è qui!

Tavolo e sedie

Se non avessi uno spazio di 300 m2, ti consiglio di stravolgerlo un po’! Perché non sostituire le tradizionali sedie da giardino con una bella panca, e abbinarla a qualche poltrona? E scambiare il tavolo di altezza standard con un tavolino da caffè? O che ne dite di rilassarvi con solo sedie a sdraio e un tavolino per il vostro cocktail? (Sì, mi vedo già a farlo).

Da parte mia, ho semplicemente tagliato le gambe del mio tavolo di legno, in modo che fosse più adatto a un cocktail party. E l’ho circondato con 2 belle poltrone Acapulco. Ho anche una panchina, che rimane nel mio soggiorno/ingresso ma che portiamo fuori in terrazza quando abbiamo più persone. Trovo questa combinazione molto più conviviale di un tavolo di altezza standard, e le poltrone sono perfettamente adatte a prendere il sole con i piedi a ventaglio (sul tavolino, cioè)!

Illuminazione

Le basi. Eppure raramente pensiamo a illuminare correttamente i nostri esterni. Certo, abbiamo regolarmente una specie di luce a muro, ma non è né veramente utile né veramente estetica. E la chiave del successo è variare le fonti di luce. Pensate a ghirlande, palline luminose, piccoli faretti da nascondere ai bordi di un sentiero,… E grazie ai LED, alle installazioni solari e a tutte le luci speciali da esterno, non c’è bisogno di preoccuparsi di collegarle o di doverle portare al calar della notte.

Per quanto mi riguarda, ormai conoscete il mio amore per le guirlandes guinguettes: queste stringhe di piccole lampadine da appendere sopra il tavolo, intorno a un tronco d’albero, contro un muro, ecc. La mia attraversa il mio piccolo terrazzo in diagonale e assicura una buona illuminazione la sera, ma soprattutto aggiunge una morbidezza e una convivialità che non può essere battuta. Se c’è un consiglio da ricordare in questo articolo, è la ghirlanda di guinguette!

Lanterne e candele

Nella linea di apparecchi d’illuminazione, ho dovuto insistere sulle luci d’accento. Indispensabile in ogni soggiorno, e la terrazza non fa eccezione alla regola! Si può iniziare con delle belle lanterne (sono assolutamente dappertutto in questo momento: da Ikea, Casa, Action, Zodio,…), e mettere o delle candele, delle candele a LED, o delle belle ghirlande di luce (anche a LED).

Qui, ho 2-3 vasi che tiro fuori ogni sera, e nei quali ho messo delle luci a stringa che funzionano a batterie (perfette per portarle in giro). Semplice, ma efficace; li metto sul tavolo quando prendiamo un drink, o sul bordo della terrazza per aggiungere un po’ di fascino a una cena fuori. Ho anche 2 grandi lanterne che metto alle estremità, e in cui metto candele a LED (non c’è bisogno di preoccuparsi che la fiamma si spenga con il vento, o che la cera goccioli, posso rimanere concentrata sul mio (virgin-abu-drinking-is-dangerous-to-health) mojito e sul mio BBQ)!

Cuscini

Vi assicuro che sono i dettagli che fanno la differenza! Uno o due cuscini nelle poltrone, altri due sul pavimento, e subito il fascino è acceso. Aggiungono comfort, sia fisicamente che visivamente, e possono anche essere usati come una seduta extra se avete optato per un tavolino da caffè. Pensate anche ai plaid: qualsiasi tessuto è buono da avere!

Ho optato per i cuscini classici, che non sono progettati per resistere all’esterno. Quindi non li lascio fuori durante la notte, ma quando arriva l’estate (e il Belgio ci grazia con qualche giorno di sole – lo senti, l’espatriato francese un po’ frustrato?), prendo la mia pila di cuscini dalla soffitta, li metto in terrazza e li porto semplicemente in salotto ogni sera. Ho optato per un mix & match, in colori che si abbinano alle mie poltrone, in modo che rimanga armonioso pur portando un tocco di colore – e di comodità!

Tappeti

Sì, sì, un tappeto fuori! Renderà la vostra piccola installazione ancora più accogliente e calda, e “sedurrà” la zona di convivialità, intorno alle poltrone, alle sedie a sdraio, al tavolino o al tavolino (funziona anche con un tavolo e delle sedie classiche, ma l’effetto sarà meno evidente).

Ci sono tappeti speciali per l’esterno, fatti di fibre di plastica intrecciate, ma personalmente non li trovo piacevoli sotto i piedi, scricchiolano e scivolano, e soprattutto urlano “sintetico”. Ma se vivete in un posto dove è asciutto per diversi giorni di seguito (di nuovo, in Belgio, lo saltiamo), non esitate a usare tappeti classici, per esempio quelli che potrebbero essere messi in una cucina, che sono facili da lavorare e sono abbastanza spessi. Altrimenti, i tappeti in vinile, bisogna cercare bene per trovarne di belli che non sembrino troppo economici, ma possono essere molto belli!

Piante in vaso

La tipa che ti consiglia di mettere del verde per decorare il tuo esterno, grazie per il consiglio, lo so. Ma volevo solo sottolineare l’aspetto “in vaso”. Quando avete solo una terrazza o un balcone, sembra ovvio, ma anche se avete un giardino, pensate ad aggiungere piante in vaso, in graziose fioriere. Aggiunge immediatamente altezza, e quindi un po’ di dinamismo all’insieme.

Qui, ho variato i contenitori, la loro dimensione e forma, pur rimanendo negli stessi colori (neutri). Li ho sparsi per la terrazza, raggruppandoli in due o tre per creare piccoli angoli e fessure. L’unica regola: non allinearli in modo dritto, né disporli in perfetta simmetria!

Oggetto insolito

Tam tam taaam: la parte “suspense” dell’articolo. L’oggetto insolito non è obbligatorio, ma serve semplicemente a ravvivare il vostro spazio esterno e a dargli un po’ di personalità, un po’ di vita. Può essere una piccola statua discreta, un annaffiatoio vintage grazioso e decorativo, un assortimento di vecchie ceramiche, una vecchia sedia da giardino in metallo invasa dalla vegetazione, un’amaca riportata dalle vacanze, un’altalena,…

A casa, Robert, il nostro gnomo da giardino, è in trono. Chiamato come l’amico che ce l’ha dato (l’aveva preso da una vecchia casa che aveva appena comprato per ristrutturare, e stava per metterlo nella discarica), l’ho pulito, spogliato, levigato e dipinto tutto in un arancione brillante per abbinare il resto del mio arredamento. Di solito prende la residenza nel prato, vicino alla terrazza, ma a volte viene a sistemarsi davanti al bovindo, o tra due vasi di fiori. Vive la sua vita e non si perde mai un aperitivo con gli amici. Ah, santo Robert.

Un ultimo consiglio…

In termini di colore, la terrazza richiede colori vivaci, colori caldi, colori solari. Ma si può anche rimanere neutrali con un cammeo di beige e bianchi. Il trucco è non variare troppo i colori. Rimanete con lo stesso colore (scuro, chiaro, pastello, ecc.) senza aggiungere troppo, perché il verde fornirà già molto contrasto, e lo spazio esterno è già pieno di materiali diversi che non sempre si abbinano perfettamente, che vi piaccia o no: pavimenti in piastrelle, cortili in cartone, prati, terra, vasi di plastica, pareti intonacate, ringhiere di metallo, muretti in pietra, ecc.

A casa, ho scelto di abbinare l’arancione con il rosa: 2 colori che stanno molto bene insieme, l’associazione rimane discreta (i colori non risaltano davvero uno sull’altro), ed è così felice e caldo! Anche l’uomo ha detto di sì, tanto per dirvi …

Quali sono i tuoi elementi essenziali all’aperto? Hai già allestito il tuo spazio verde per l’estate?

Written by Cyrielle Poirot

Lascia un commento

Come risparmiare acqua in casa?